1973. Napoli ai tempi del colera

Un'inchiesta degli allievi della Scuola di Giornalismo "Suor Orsola Benincasa" di Napoli

Maggiori dettagli

Paolo Mieli

15,00€

Mentre Napoli “diventava” nella percezione generale la “città del colera”, dov’era la “società civile”, come reagiva il mondo della cultura e dell’arte, spesso dotato nella storia della città di antenne tanto sensibili da intuire e raccontare in anticipo i mutamenti epocali?

L’inchiesta fornisce gli spunti per comprendere come l’epidemia del 1973 abbia rappresentato un significativo punto di passaggio tra diverse stagioni della dialettica politica in città, accelerando la maturazione di fenomeni nuovi: la transizione dal centro-sinistra allo “sdoganamento” della sinistra comunista come forza di governo, ma anche la presa di distanza della destra di origine neofascista e laurina; dal ribellismo populista (a Napoli, per dire, non si verificò nulla di simile alla rivolta di Reggio Calabria) e il "cambiamento di pelle" del mondo cattolico-democristiano verso quella che sarebbe stata la classe dirigente degli anni Ottanta. Fino all’attualità.

5 prodotti nella stessa categoria: